Come si calcola la pensione con Quota 100

Chi accederà alla pensione attraverso la quota 100 smetterà di fatto di lavorare a partire dai 62 anni. Il minimo contributivo per accedere alla quota 100 è quello dei 38 anni di contributi visto tale minimo l’uscita dal lavoro può spostarsi a 63, 64, 65 anni etc… etc…. Andando però ad aumentare gli anni che separano la persona avente diritto, dalla sua pensione.

Impiegando la Quota 100, invece, la persona che deve andare in pensione potrà calcolare attraverso il sistema retributivo unicamente i versamenti fino al 31 dicembre 1995, dovrà invece applicare il sistema contributivo per ciò che riguarda tutti i periodi consecutivi all’anno 1995.

Ogni persona sarà chiamata a fare molta attenzione ai calcoli che vanno a valutare quale ipotesi sia la più adatta alla propria situazione, ci si sta riferendo ai due sistemi quindi:

  • Contributivo
  • Retributivo

Si tratta ancora comunque di proposte, e quindi i relativi calcoli (affinché risultino attendibili) richiedono l’attesa dei provvedimenti che sono ancora da varare per il governo in carica, e le due quote previste:

  • Anni di contribuzione
  • Età della persona che si avvia alla pensione

sono a tutt’oggi in discussione in parlamento, per cui prima di formulare ipotesi ed effettuare calcoli occorre tener conto di tale aspetto anche se successivo all’approvazione della riforma stessa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.