Benvenuto nella prima Community italiana dedicata all'Ape Sociale, l'anticipo pensionistico INPS attivo dal 2017
Clicca qui per ISCRIVERTI e PARTECIPARE alla Community di APE Social

Presentazione

Utilizziamo questo spazio per le presentazioni dei nuovi membri della Community!

Moderatori: silvestro53, onir201, vinbast, Giorgio64, angelopuzzo52, oTTovonkraun, checo1753

Rosario
MEMBRO COMMUNITY
MEMBRO COMMUNITY
Messaggi: 3
Iscritto il: 02/09/2019, 15:56

Re: Presentazione

Messaggio da Rosario » 03/09/2019, 16:24

Grazie della risposta; solo per sicurezza preciso che io lavoro in Comune e assisto mio marito che non lavora, é a mio carico, disabile grave con con L.104 articolo 3 comma 3 ; quindi se confermano l'ape social nel 2020 io avendo 34 anni di lavoro e 63 anni di età potrò fare domanda? Scusa se te lo chiedo di nuovo e ti ringrazio tanto.
Avatar utente
vinbast
MODERATORE
MODERATORE
Messaggi: 705
Iscritto il: 13/10/2017, 13:48

Re: ApeSocial Dipendenti Pubblici Enti Locali Quesito

Messaggio da vinbast » 03/09/2019, 16:27

vinbast ha scritto:
03/09/2019, 16:05
Rosario ha scritto:
02/09/2019, 17:02
:( ciao a tutti, non so come scrivere in questo forum, anzi in qualsiasi forum, siete i primi a cui scrivo... buongiorno, anche se per me non è stato proprio un buongiorno anzi!!! Mi presento: lavoro in Ente Pubblico Locale insomma quello che si chiama Comune o Municipio da oltre 33 anni, ho 62 anni e questa mattina ho avuto un appuntamento in Patronato per sapere quali possibilità di anticipare la pensione ho;
faccio presente all'impiegata che assisto il coniuge disabile grave con la legge 104 e lei, dopo aver controllato sul portale dell'INPS la mia posizione, mi dice che posso andare solo a 67 anni e che non posso avere altre soluzioni come assistente del coniuge disabile grave perchè l'agevolazione non spetta ai dipendenti pubblici. Io avevo letto che l'apesocial è anche per chi assiste i disabili gravi con L. 104, nel mio caso coniuge, sia dipendenti privati che dipendenti pubblici come quelli che lavorano in Comune. Potreste rispondermi per cortesia grazie. Rosario - p.s. ho pagato 24 euro per la consulenza.
La circolare Inps n. 100/2017 contempla tra gli aventi diritto all'assegno di Ape social coloro che:
assistano da almeno sei mesi il coniuge, l’unito civilmente, un parente di primo grado
convivente con handicap in situazione di gravità ai sensi dell’articolo 3, comma 3, della
legge 5 febbraio 1992, n. 104 e siano in possesso di un’anzianità contributiva di almeno 30
anni. In relazione alla stessa persona con handicap in situazione di gravità è possibile
concedere l’APE sociale ad uno solo dei soggetti che l’assistono;

Poiché non c'è alcun riferimento alla tipologia di impiego (pubblico o privato) svolto dal richiedente, è possibile presentare contestualmente ed immediatamente le due domande per accedere al beneficio previsto.
Ad integrazione di quanto sopra, per poter aver accesso alla prestazione di Ape social è necessario attendere il compimento dei 63 anni di età.
Qualora il compimento del 63 anni si verificasse nel corso del 2019, sarebbe già possibile presentare la domanda di verifica dei requisiti e successivamente, al compimento dei 63 anni, si dovrebbe presentare la domanda di Ape social.
Qualora, invece, i 63 anni maturassero nel prossimo anno, allora bisognerebbe attendere un'eventuale proroga della normativa al 2020.
Avatar utente
vinbast
MODERATORE
MODERATORE
Messaggi: 705
Iscritto il: 13/10/2017, 13:48

Re: Presentazione

Messaggio da vinbast » 03/09/2019, 16:33

Rosario ha scritto:
03/09/2019, 16:24
Grazie della risposta; solo per sicurezza preciso che io lavoro in Comune e assisto mio marito che non lavora, é a mio carico, disabile grave con con L.104 articolo 3 comma 3 ; quindi se confermano l'ape social nel 2020 io avendo 34 anni di lavoro e 63 anni di età potrò fare domanda? Scusa se te lo chiedo di nuovo e ti ringrazio tanto.
Sì. In caso di proroga dell'Ape social al 2020, sussisteranno tutte le condizioni necessarie per presentare la domanda di verifica dei requisiti a gennaio 2020 e successivamente, al compimento dei 63 anni di età sarebbe possibile presentare la domanda di Ape social.
Avatar utente
oTTovonkraun
AMMINISTRATORE FORUM
AMMINISTRATORE FORUM
Messaggi: 918
Iscritto il: 25/10/2017, 11:13
Località: Puglia

Re: ApeSocial Dipendenti Pubblici Enti Locali Quesito

Messaggio da oTTovonkraun » 03/09/2019, 17:25

vinbast ha scritto:
03/09/2019, 16:05
Rosario ha scritto:
02/09/2019, 17:02
:( ciao a tutti, non so come scrivere in questo forum, anzi in qualsiasi forum, siete i primi a cui scrivo... buongiorno, anche se per me non è stato proprio un buongiorno anzi!!! Mi presento: lavoro in Ente Pubblico Locale insomma quello che si chiama Comune o Municipio da oltre 33 anni, ho 62 anni e questa mattina ho avuto un appuntamento in Patronato per sapere quali possibilità di anticipare la pensione ho;
faccio presente all'impiegata che assisto il coniuge disabile grave con la legge 104 e lei, dopo aver controllato sul portale dell'INPS la mia posizione, mi dice che posso andare solo a 67 anni e che non posso avere altre soluzioni come assistente del coniuge disabile grave perchè l'agevolazione non spetta ai dipendenti pubblici. Io avevo letto che l'apesocial è anche per chi assiste i disabili gravi con L. 104, nel mio caso coniuge, sia dipendenti privati che dipendenti pubblici come quelli che lavorano in Comune. Potreste rispondermi per cortesia grazie. Rosario - p.s. ho pagato 24 euro per la consulenza.
La circolare Inps n. 100/2017 contempla tra gli aventi diritto all'assegno di Ape social coloro che:
assistano da almeno sei mesi il coniuge, l’unito civilmente, un parente di primo grado
convivente con handicap in situazione di gravità ai sensi dell’articolo 3, comma 3, della
legge 5 febbraio 1992, n. 104 e siano in possesso di un’anzianità contributiva di almeno 30
anni. In relazione alla stessa persona con handicap in situazione di gravità è possibile
concedere l’APE sociale ad uno solo dei soggetti che l’assistono;

Poiché non c'è alcun riferimento alla tipologia di impiego (pubblico o privato) svolto dal richiedente, è possibile presentare contestualmente ed immediatamente le due domande per accedere al beneficio previsto.
Ciao Rosario e benvenuto.
Per fare cio' che ti consiglia vinbast è basilare cambiare patronato, cercandone uno piu' affidabile. Se fosse per l'impiegata con la quale hai parlato non prenderesti nulla.
Auguri per la tua pratica :)
Rosario
MEMBRO COMMUNITY
MEMBRO COMMUNITY
Messaggi: 3
Iscritto il: 02/09/2019, 15:56

Re: Presentazione

Messaggio da Rosario » 03/09/2019, 18:04

Grazie tantissimo anche della pazienza, speriamo che rinnovino. Ciao a tutti
Avatar utente
oTTovonkraun
AMMINISTRATORE FORUM
AMMINISTRATORE FORUM
Messaggi: 918
Iscritto il: 25/10/2017, 11:13
Località: Puglia

Re: Presentazione

Messaggio da oTTovonkraun » 03/09/2019, 23:43

Rosario ha scritto:
03/09/2019, 18:04
Grazie tantissimo anche della pazienza, speriamo che rinnovino. Ciao a tutti
Tienici aggiornati dei futuri sviluppi, auguroni :)
framat
NEW ENTRY
NEW ENTRY
Messaggi: 1
Iscritto il: 07/09/2019, 8:11

Cumulo contributi Inps Inarcassa

Messaggio da framat » 07/09/2019, 9:05

Buongiorno a tutti e piacere di far parte di questa community. Sono un architetto ed ho presentato domanda per APE Social nel 2017 essendo nella fattispecie disoccupato ed avendo l'età prevista dalla legge in materia. La domanda mi fu respinta in quanto , a detta dell'Inps, non avevo il requisito contributivo in quanto la legge non prevedeva il cumulo con le casse professionali. Nel mio caso avevo 17 anni di contributi di cassa architetti e quindici da dipendente. Con la legge di bilancio del 2019 poiché si sono riaperti i termini per l'APE Social ho ripresentato di nuovo la domanda in quanto avevo letto su varie testate che era possibile accedere al beneficio dell'Ape social con il cumulo dei contributi anche con le casse professionali. Avendo ricevuto un nuovo diniego dall'Inps ho presentato ricorso il 10 aprile corrente e a tutt'oggi è in corso un confronto serrato con l'Inps sull'interpretazione del disegno di legge. In fine mi hanno chiesto un qualsiasi documento che avvalori la mia tesi. Se qualcuno si è trovato nella mia stessa condizione avrei piacere di ricevere argomentazioni a riguardo. Grazie ed un saluto a tutti-
Avatar utente
oTTovonkraun
AMMINISTRATORE FORUM
AMMINISTRATORE FORUM
Messaggi: 918
Iscritto il: 25/10/2017, 11:13
Località: Puglia

Re: Presentazione

Messaggio da oTTovonkraun » 07/09/2019, 16:39

Buongiorno e benvenuto nella ns. grande famiglia.
Ma quel documento lo hai poi presentato ??
Avatar utente
vinbast
MODERATORE
MODERATORE
Messaggi: 705
Iscritto il: 13/10/2017, 13:48

Re: Cumulo contributi Inps Inarcassa

Messaggio da vinbast » 08/09/2019, 9:52

framat ha scritto:
07/09/2019, 9:05
Buongiorno a tutti e piacere di far parte di questa community. Sono un architetto ed ho presentato domanda per APE Social nel 2017 essendo nella fattispecie disoccupato ed avendo l'età prevista dalla legge in materia. La domanda mi fu respinta in quanto , a detta dell'Inps, non avevo il requisito contributivo in quanto la legge non prevedeva il cumulo con le casse professionali. Nel mio caso avevo 17 anni di contributi di cassa architetti e quindici da dipendente. Con la legge di bilancio del 2019 poiché si sono riaperti i termini per l'APE Social ho ripresentato di nuovo la domanda in quanto avevo letto su varie testate che era possibile accedere al beneficio dell'Ape social con il cumulo dei contributi anche con le casse professionali. Avendo ricevuto un nuovo diniego dall'Inps ho presentato ricorso il 10 aprile corrente e a tutt'oggi è in corso un confronto serrato con l'Inps sull'interpretazione del disegno di legge. In fine mi hanno chiesto un qualsiasi documento che avvalori la mia tesi. Se qualcuno si è trovato nella mia stessa condizione avrei piacere di ricevere argomentazioni a riguardo. Grazie ed un saluto a tutti-
Purtroppo la normativa, articolo 179 della legge 232/2016, prevede che l’APe Sociale sia applicabile agli iscritti all’assicurazione generale obbligatoria, alle forme sostitutive ed esclusive della medesima e alla Gestione separata di cui all’articolo 2, comma 26, della legge 8 agosto 1995, n. 335.
Pertanto, restano esclusi tutti coloro che hanno versato contributi nelle casse professionali (INARCASSA, ENPAB, ecc).
Invece, la ricongiunzione dei periodi contributivi versati nelle casse professionali con quelli versati all'Inps è praticabile ai fini del pensionamento vero e proprio.
rrosett56
NEW ENTRY
NEW ENTRY
Messaggi: 1
Iscritto il: 08/09/2019, 9:33

Re: Presentazione

Messaggio da rrosett56 » 08/09/2019, 16:59

Un saluto a tutti i componenti del forum. Pongo subito una domanda.
Ho 63 anni 35 di contributi. Lavoro in sanità. A inizio settembre mi è stata riconosciuta una invalidità al 75% con revisione a febbraio 2020. Chiedo se posso presentare la domanda di Ape social. Nel caso la risposta per i requisiti fosse positiva e arrivasse a feb 2020, se la revisione abbassasse la% di invalidità potrei ancora fare domanda o non ne avrei più il diritto. Grazie per eventuali risposte e ancora un saluto
Avatar utente
vinbast
MODERATORE
MODERATORE
Messaggi: 705
Iscritto il: 13/10/2017, 13:48

Re: Presentazione

Messaggio da vinbast » 08/09/2019, 22:25

rrosett56 ha scritto:
08/09/2019, 16:59
Un saluto a tutti i componenti del forum. Pongo subito una domanda.
Ho 63 anni 35 di contributi. Lavoro in sanità. A inizio settembre mi è stata riconosciuta una invalidità al 75% con revisione a febbraio 2020. Chiedo se posso presentare la domanda di Ape social. Nel caso la risposta per i requisiti fosse positiva e arrivasse a feb 2020, se la revisione abbassasse la% di invalidità potrei ancora fare domanda o non ne avrei più il diritto. Grazie per eventuali risposte e ancora un saluto
Poiché allo stato attuale tutti i requisiti previsti dalla normativa sono soddisfatti, è conviente inoltrare nel corrente mese, oltre alla domanda di verifica dei requisiti, anche la domanda di Ape social.
In tal caso l'assegno avrebbe decorrenza 1 ottobre 2019.
Attendere il 2020 potrebbe essere rischioso in quanto, ad oggi, non c'è certezza che l'Ape social venga prorogata anche per il prossimo anno.
Inoltre, anche in caso di proroga, qualora la revisione dell'invalidità comportasse una riduzione al di sotto del 74%, si perderebbe il diritto all'assegno di Ape social nel caso in cui la relativa domanda fosse inoltrata successivamente alla suddetta revisione.
Infatti, in tal caso verrebe a mancare una delle condizioni necessarie da possedere al momento della decorrenza dell'assegno di Ape social.
Gianmix
UTENTE STARTER
UTENTE STARTER
Messaggi: 6
Iscritto il: 12/09/2019, 13:48

Mi presento

Messaggio da Gianmix » 12/09/2019, 14:57

Buon giorno,
Sono Gianmichele.
Lavoro vicino a Trieste, 65 anni 35 di lavoro a T.I.
Vorrei richiedere l' APE Volontaria, molta poca letteratura seria c'è su questo argomento,
al contrario tonnellate di articoli, sempre gli stessi copiati uno dall'altro all'infinito.

Sono anche stupito dal fatto che ci siano così pochi post ultimamente sull'APE Volontaria,
come mai.

Ciao

Gianmichele
Gianmix
UTENTE STARTER
UTENTE STARTER
Messaggi: 6
Iscritto il: 12/09/2019, 13:48

Re: Presentazione

Messaggio da Gianmix » 12/09/2019, 15:14

Buon giorno,
Sono Gianmichele.
Lavoro vicino a Trieste, 65 anni 35 di lavoro a T.I.
Vorrei richiedere l' APE Volontaria, molta poca letteratura seria c'è su questo argomento,
al contrario tonnellate di articoli, sempre gli stessi copiati uno dall'altro all'infinito.

Per fortuna finalmente ho trovato queso forum!

Sono anche stupito dal fatto che ci siano così pochi post - ultimamente- sull'APE Volontaria,
come mai.

Ciao

Gianmichele
Avatar utente
vinbast
MODERATORE
MODERATORE
Messaggi: 705
Iscritto il: 13/10/2017, 13:48

Re: Presentazione

Messaggio da vinbast » 12/09/2019, 21:17

Gianmix ha scritto:
12/09/2019, 15:14
Buon giorno,
Sono Gianmichele.
Lavoro vicino a Trieste, 65 anni 35 di lavoro a T.I.
Vorrei richiedere l' APE Volontaria, molta poca letteratura seria c'è su questo argomento,
al contrario tonnellate di articoli, sempre gli stessi copiati uno dall'altro all'infinito.

Per fortuna finalmente ho trovato queso forum!

Sono anche stupito dal fatto che ci siano così pochi post - ultimamente- sull'APE Volontaria,
come mai.

Ciao

Gianmichele
Probabilmente l'Ape volontaria riguarda una fascia marginale dei pensionamenti.
Le motivazioni sono molteplici quali il costo relativo al tasso di interesse per il prestito bancario nonché il premio della copertura assicurativa obbligatoria caso morte.
Inoltre, vi è una ricaduta in termini previdenziali rappresentata dal mancato versamento dei contributi nel periodo di erogazione dell’APE con conseguente maturazione di una pensione più bassa.
Infine, l'introduzione di quota 100 ha inevitabilmente sottratto potenziali aspiranti pensionati all'Ape volontaria.
Rispondi